Europeo under 21, semifinale infinita, vince la Germania ai rigori

Vista per voi

Gary Lineker ci aveva visto lungo "il calcio è un gioco semplice: 22 uomini rincorrono un pallone per 90 minuti, e alla fine la Germania vince". Va così anche questa volta a termine di una partita che si è prolungata per oltre 120 minuti.

Le variazioni dei due allenatori sono minime, ma significative: per Kuntz fuori Dahoud e dentro Haberer, mentre Bothroyd rinforza il peso del centrocampo e dell'attacco inserendo Abraham e Hughes al posto di Redmond e Swift con Chalobah che recupera dopo l'infortunio patito contro la Polonia. L'inizio è favorevole alla nazionale dei tre leoni che fanno valere la loro maggiore carica agonistica. Grey e Hughes si rendono protagonisti dei primi squilli della partita: il loro asse frutta diversi calci d'angolo e anche la prima vera occasione del match con l'attaccante del Leicester che davanti a Pollersbeck si fa murare. Poi da fuori ci prova anche Word Prowse ma con scarsa fortuna. A sbloccare la partita ci provano anche i centravanti di peso che hanno un'occasione a testa, a stretto giro di posta, ma non dimostrano killer istinct: prima Abraham ha una clamorosa palla gol ma il suo colpo di testa è troppo debole e centrale, poi Selke da buona posizione non gira bene in porta. La Germania, però, riesce a sciogliersi e si libera dalle difficoltà iniziali: Baker si trova sempre a metà strada tra Arnold e Haberer che hanno così campo libero per impostare e svariare il gioco sulle fasce. In particolare funziona bene la corsia di destra con Philipp e Toljan che spesso mettono in inferiorità numerica il solo Chilwell.
Non è un caso se, dopo due tentativi da fuori area del terzino tedesco, da quella parte nasce il vantaggio: l'asse funziona bene con Toljan che crossa un ottimo pallone al centro per Selke che si muove da vero attaccante e mette in rete. Il vantaggio demoralizza ancor più l'Inghilterra in piena difficoltà. Ma nel momento più complicato i britannici trovano il pari con la loro arma migliore: i calci piazzati. Su corner del solito Word Prowse si accende una mischia risolta da Grey al secondo gol consecutivo nel torneo. L'Inghilterra rientra nel secondo tempo più quadrata con Baker arretrato a fianco di Chalobah e Gray più pronto a dare una mano in difesa. E ancora una volta a inizio frazione cominciano meglio i britannici. E questa volta trovano anche il vantaggio: leggerezza di Gnabry che lascia palla a Hughes che la porta in area e scarica per un liberissimo Abraham che trova il gol. Il 2-1 galvanizza gli inglesi che si chiudono bene in difesa concedendo veramente pochi spazi agli avversari. La manovra diventa anche meno lucida per la stanchezza che comincia ad attanagliare alcuni degli uomini chiave. Serve un episodio. Che arriva a venti minuti dal termine: su un calcio d'angolo è imperioso lo stacco aereo del neo entrato Platt che gira benissimo sul primo palo. La Germania riprende fiducia e proprio lo stesso Platt segnerebbe un'altra volta di testa, ma l'arbitro annulla per fuorigioco. Si arriva così ai supplementari dove i teutonici continuano a essere superiori nel possesso palla, ma hanno ancora difficoltà a entrare nell'area di rigore inglese. C'è spazio per il quarto cambio, norma sperimentale in questo Europeo e che potrebbe entrare in circolazione anche nelle altre competizioni a breve. Ci prova Amiri che ha un impatto positivo sulla partita con i suoi dribbling; dall'altra parte Abraham rimane in campo ma sconsolato e solo in avanti a lottare contro tutta la difesa avversaria.
Proprio Amiri ha una clamorosa opportunità su cross di Toljan nel secondo tempo supplementare ma arriva in leggero anticipo all'apuntamento. I rigori così decidono tutto. E qua il quinto rigore, calciato male da Abraham è decisivo nel far passare i teutonici. Che hanno meritato la finale per la maggior qualità complessiva. Ma l'Inghilterra non è andata affatto male

Tabellino e pagelle

Inghilterra 5-6 Germania (d.c.r.): 35' Selke, 41' Gray. 50' Abraham, 70' Platte
Inghilterra(4-3-1-2): Pickford 6,5; Holgate 5,5(106' Iorfa s.v.), Chambers 5,5, Mawson 6 , Chilwell 6,5; Ward Prowse 6,5, Chalobah 5,5(66' Murphy 5,5), Hughes 7(87' Swift 5,5); Baker 5; Gray 6,5(74' Redmond 5), Abraham 6,5; Bothroyd 6,5
Germania(4-2-3-1): Pollersbeck 7,5; Toljan 7, Jung 6(80' Kehrer 6), Kempf 6,5, Gerhardt 5; Arnold 6,5, Haberer 6(102' Kohr s.v.); Gnabry 5(88' Amiri 6,5), Meyer 5,5, Philipp 5,5; Selke 6,5(63' Platte 7); Kuntz 6,5