Poker Sampdoria in coppa Italia: ora c'è la Fiorentina

Vista per voi

Nel pomeriggio di coppa Italia delle sorprese Pordenone e Cittadella corsare a Cagliari e Ferrara, un po' di apprensione ci sarà stata, seppur scaramantica, tra i tifosi della Samp in vista della sfida contro il Pescara per il quarto turno della coppa nazionale.

Per Giampaolo è tempo di esperimenti e cambia ben 8 giocatori rispetto a Bologna-Sampdoria: Sala, Capezzi, Verre, Kownacki e Murru hanno una buona occasione per farsi vedere. Zeman non rinuncia al suo credo offensivo, pur contro una squadra sicuramente superiore, e schiera i suoi con il consueto 4-3-3 con l'ex Campagnaro in difesa e Ganz in attacco al posto di Pettinari. L'inizio dà ragione alle scelte del tecnico doriano: la Sampdoria scende in campo con la voglia di sbloccare velocemente la gara e in fretta ci riesce. Su una punizione dalla tre quarti Kownacki rieceve una sponda di testa e al centro dell'area di rigore non può esimersi dal mettere dentro. Ma il talentino polacco fa ancora meglio pochi minuti dopo. Come da copione i blucerchiati tentano di sorprendere la difesa abruzzese con lanci profondi a cercare gli attaccanti. Kownacki si smarca con gran furbizia alle spalle di Mazzotta e riceve un lancio di Verre. Il controllo in corsa è ottimo e gli consente di portarsi avanti il pallone per il cross. Un traversone perfetto per la testa di Ramirez che si smarca perfettamente a centro area. La gara prende una china definita sin dall'avvio praticamente e allora la Samp può abbassare i ritmi e con un possesso palla, a volte anche troppo ardito, fa correre gli avversari.
Il Pescara perde tutti i duelli individuali e non riesce a rendersi pericoloso se non alla mezz'ora quando Ganz si fa respingere una sua girata da Puggioni. Ma i padroni di casa trovano anche lo spazio per triplicare prima dell'intervallo con un'azione in velocità con uno scambio ripetuto tra Ramirez e Caprari che segna il gol dell'ex. La riprese invece si apre con un Pescara più convinto e che sfrutta un calo fisiologico dei blucerchiati. Benali trova anche il gol del 3-1 sfruttando un precisissimo lancio di Pigliacelli in libera uscita dalla propria porta. Il delfino prova addirittura a riportarsi in partita, ma non crea grandi pericoli a Puggioni, anche se crea qualche apprensione. Gli ospiti mancano però nel passaggio decisivo. Non perde l'occasione per la sua doppietta Kownacki che aggiorna le sue cifre arrivando a 5 gol in Italia(3 in coppa Italia e 2 in campionato). Il poker blucerchiato chiude definitivamente il match spegnendo anche le ultime velleità pescaresi. La Sampdoria accede agli ottavi dove affronterà la Fiorentina in una delle gare più equilibrate del prossimo turno di coppa Italia. La squadra di Giampaolo continua nella sua ottima stagione con una prestazione che, pur contro un avversario inferiore, mette in mostra i soliti schemi. E mette in mostra in particolare il giovane Kownacki che si prende la ribalta con 2 gol, un assist e tanti bei movimenti.

Tabellino e pagelle

Sampdoria 4-1 Pescara: 2'-74' Kownacki, 9' Ramirez, 34' Caprari, 52' Benali
Sampdoria(4-3-1-2): Puggioni 6,5; Sala 5,5, Silvestre 6(81' Andersen s.v.), Regini 6,5, Murru 5,5; Praet 6, Capezzi 6, Verre 6,5; Ramirez 7(46' Alvarez 6,5); Kownacki 7, Caprari 7(77' Djuricic s.v.); Giampaolo 6,5
Pescara(4-3-3): Pigliacelli 6; Zampano 5,5, Perrotta 5, Campagnaro 5(68' Fornasier 5,5), Mazzotta 5(62' Elizalde 5,5); Brugman 5, Carraro 5,5(80' Kanoutè s.v.), Coulibaly 6; Mancuso 5,5, Ganz 5,5, Benali 6,5; Zeman 5