Una Juventus in HD

Vista per voi


Juventus-Udinese rappresenta, per i campioni d'Italia, la fine di una settimana esaltante, coronata dal successo a Roma e a Wembley, ma anche l'inizio di 7 giorni altrettanto decisivi per il campionato.
Allegri deve rinunciare, oltre agli infortunati, anche alla coppia di terzini Alex Sandro e Lichtsteiner per squalifica. Spazio così a De Sciglio e Asamoah in difesa e poi a Sturaro e Marchisio in mediana per far tirare il fiato a Pjanic e Matuidi; tutto confermato infine il trio di attacco con Dybala, Douglas Costa e Higuain dal primo minuto e Mandzukic solo in panchina. Oddo invece propone un prudente 3-5-1-1 con il solo Maxi Lopez in avanti supportato da Barak e da Jankto nelle ripartenze.

Partita rognosa

Fin dall'avvio si capisce come la partita per la Juve non sia di facile soluzione. In parte per le scorie accumulate a Wembley, in parte per la buona disposizione difensiva dell'Udinese, i bianconeri di casa fanno fatica a creare occasioni degne di nota. Prova ne è che a toccare più palloni sono i componenti della difesa con i centrali e i terzini impegnati in un lungo giropalla senza grandi sbocchi offensivi. I friulani affollano intelligentemente la corsia di destra, quella dove agiscono Douglas Costa e De Sciglio, e dove spesso arriva a stazionare anche Paulo Dybala, con Higuain diligentemente marcato e coperto dal trio di difensori centrali che si danno man forte l'uno con l'altro.
Se la fascia sinistra è più predisposta al contenimento, con Sturaro e Asamoah, la soluzione per disordinare le linee avversarie scelta dalla Juve è quella di far spesso allargare Khedira per impegnare Fofana e costringere a scalate difensive che possano liberare spazi utili soprattutto a Dybala. Ma non è certo un caso che, fino al gol del vantaggio, nonostante il possesso palla fosse saldamente in mano ai padroni di casa, il computo dei tiri totali fosse in equilibrio: gli ospiti, infatti, quando possibile, non hanno esitato a partire in contropiede confidando nella grande velocità di Jankto(che è costata un'ammonizione dopo 2 minuti a Chiellini).

Juventus in HD

Non è ovviamente nuovo il gioco di parole. La Juve vola nuovamente, come a Londra, sull'asse Higuain-Dybala che, con le loro abilità tecniche, scardinano l'arcigna difesa dell'Udinese. I due gol, entrambi segnati dalla Joya, sono originati da azioni e presupposti simili. Dato che il palleggio lento non riesce a lavorare ai fianchi gli uomini di Oddo, la Juventus ha trovato maggiore pericolosità appoggiandosi al proprio centravanti che ha fatto, per rubare un termine pallanotistico, da centroboa. La punizione di Dybala è infatti originata da un fallo di Angella su Higuain che gli ruba il tempo e lo costringe al fallo. Anche se poi c'è bisogno di giocatori che sappiano battere i calci piazzati in un certo modo.

via GIPHY
Nell'occasione del secondo gol si vede chiaramente come le mezze ali della Juve si aprano, svuotando il campo e liberando la linea di passaggio da Asamoah a Higuain. Il Pipita è poi bravissimo a girarsi e attendere l'inserimento ancora di Dybala che viene lasciato colpevolmente solo dai difensori avversari, concentrati solo sul suo compagno di reparto.
Sturaro si allarga sulla destra, Dybala si propone tra le linee: il passaggio per Higuain non è schermato da Behrami e il Pipita è in 1vs contro Angella
Con il suo pesante apporto sui due gol segnati, Higuain si fa quindi perdonare per il rigore sbagliato(una delle poche parate della partita di Bizzarri), mentre Dybala con questa doppietta sale a quota 21 gol in stagione, 4 solo in questa settimana. E, in attesa degli altri recuperi importanti in attacco(Mandzukic su tutti), Allegri può godersi la sua coppia tutta sudamericana, piena di talento.

Tabellino e pagelle

Juventus 2-0 Udinese: 20'-49' Dybala
Juventus(4-3-3): Szczesny 6; De Sciglio 7, Rugani 6,5, Chiellini 6, Asamoah 6,5; Khedira 6,5(63' Matuidi 6), Marchisio 6(88' Bentancur s.v.), Sturaro 6; Douglas Costa 6,5, Higuain 6,5(73' Mandzukic 6), Dybala 7,5; Allegri 6,5
Udinese(3-5-1-1): Bizzarri 6,5; Nuytnick 6, Angella 5, Samir 5,5; Widmer 5,5, Jankto 6, Behrami 6(76' De Paul s.v.), Fofana 5,5, Ali Adnan 6; Barak 5(70' Balic s.v.); Maxi Lopez 5(61' Perica 5,5); Oddo 5,5